lunedì 2 maggio 2016

Adolescenza sulla Bocca dell'Inferno - Puntata 22

22. Ciò che Cercate non è Ciò che vi Aspettate

«Preferisci prima cena e poi cinema o prima vediamo un film e poi mangiamo?» domandò Donovan, mettendosi a sedere a gambe incrociate sul piumone lilla che copriva il letto nella camera di Betty.
Seduta alla sua scrivania, Betty sollevò lo sguardo dallo schermo del portatile. Si girò, appoggiandosi allo schienale della sedia e inforcò gli occhiali. «Come scusa?»
«Per stasera, come vuoi che ci organizziamo?»
Betty aggrottò la fronte. «Donovan, hai capito che dobbiamo fare delle ricerche e non uscire insieme per svago?»
«Perché non possiamo fare entrambe le cose?» chiese lui con un sorriso malizioso. «In fin dei conti, anche Billy e Zec hanno trasformato la loro ricerca in un appuntamento.»
Betty sospirò e si voltò di nuovo verso lo schermo del computer, dandogli le spalle. Non lo avrebbe mai ammesso apertamente, neanche sotto tortura, ma la corte insistente che le stava facendo Donovan non le dispiaceva affatto. E in effetti era anche carino, o almeno, nelle ultime settimane aveva incominciato a sembrarle tale. “Se solo la situazione fosse diversa…” sbuffò spazientita e tornò a dedicarsi allo schema che aveva trascritto sul documento. Non c’era tempo per pensare al flirt con Donovan, qualcuno aveva ricreato la Bocca dell’Inferno e dovevano scoprire chi fosse. Le sue annotazioni però non la portavano a nessuna conclusione. Non trovava una connessione tra le vittime sopravvissute agli attacchi di esseri soprannaturali e nemmeno tra chi era diventato una creatura soprannaturale. Nessuna logica, sembrava tutto dettato dal caso.  
«Possiamo anche fare qualcos’altro» tornò all’attacco Donovan. «Credevo preferissi una cosa tranquilla, ma possiamo anche valutare l’idea di andare in un locale a bere e poi magari a ballare.»
«Puoi almeno provare a prendere sul serio quello che stiamo facendo?» Betty tirò indietro rumorosamente la sedia e si alzò in piedi. Andò verso il letto e si fermò ai piedi, rimanendo di fronte al compagno. «Mi sto scervellando per trovare qualcosa su cui iniziare a indagare e finisco sempre a un punto morto. Abbiamo dei sopravvissuti a vampiri, a un demone del web e a una collana maledetta e nessuno sembra avere un nesso con gli altri. Senza contare che molti di loro pare soffrano della Sindrome di Sunnydale e rifiutano di accettare l’irrazionale che li ha coinvolti. Ci sarebbe d’aiuto domandare a Stefan e ai suoi amici bulli come hanno incontrato Sunday, o se li ha portati in un posto specifico, ma sono tutti polvere. E infine abbiamo i gemelli ammazzavampiri che ci danno briciole di notizie che non capiamo. Vuoi aiutarmi a scovare un indizio utile o no?»
Donovan la squadrò immobile e in silenzio, poi si sporse in avanti e disse: «Ho capito qual è il problema.»
«Davvero?»
«Tu non riesci a superare il fattore Anika. Sei l’unica che si ricorda di lei e del video che ho fatto e non riesci a superarlo. Ma non sono più così e te l’ho provato in più di un’occasione. Ma non vuoi darmi una possibilità perché pensi che ti ferirò.»
Betty storse la bocca incredula. Era completamente fuoristrada, lei non stava più pensando ad Anika da mesi e aveva anche scordato di inserirla nel suo schema… «Hai ragione» esclamò, battendo il pugno sinistro sul palmo destro.
Donovan si strinse nelle spalle. «Lo sapevo.»
Betty scosse la testa. «No, non intendevo la tua diagnosi psicologica sul mio rifiuto a uscire con te. Pensavo ad Anika, può essere la chiave per risolvere il nostro mistero.»
«Ah sì?» Donovan si grattò la nuca confuso.
«Lei è un caso particolare. Fino al giorno del tuo video era una ragazza normale, poi è cambiata in Demone della Vendetta,ma non è così semplice diventarlo. Non è come trasformarsi in vampiro bevendone il sangue, o indossare una collana e cadere sotto l’influenza di un potere maledetto. Per diventare quel genere di demone devi essere scelta, ricordi?»
«Certo, nella serie la proposta la fa quel demone blu e pieno di corni. Aspetta, come si chiama… D’Affis… D’Offir…»
«D’Hoffryn, si chiama così.» Betty si sedette accanto a lui. «E anche lui è un essere soprannaturale, ma Billy non lo ha percepito. Altrimenti si sarebbe presentato da Anika prima che diventasse un Demone della Vendetta e si scagliasse contro di te e le avrebbe impedito di accettare l’offerta. E quindi la conclusione è che non l’ha resa lui un demone.»
«La tua teoria è un po’ debole» obbiettò Donovan. «Se fosse così, Billy avrebbe dovuto  percepire anche chi ha trasformato il primo vampiro che ci ha combattuto quando si è manifestato il suo super-senso. E di conseguenza impedire che bevesse il sangue e il resto.»
«Forse è proprio questo il punto» disse Betty, mettendo insieme i pezzi nella sua mente. «I mostri non sono stati resi tali secondo le regole che conosciamo, ma da qualcuno, che è la stessa persona che ha ricreato la Bocca dell’Inferno.»
Donovan si fermò a riflettere. «Ok, così è più credibile, però in che modo questa deduzione ci è di aiuto?»
Betty si alzò dal letto e tornò al portatile sulla scrivania. Controllò di nuovo il suo schema e chiese: «Da quanto tempo stavate insieme tu e Anika quando si è trasformata?»
«Da un mese. Perché?»
«I tempi coincidono. Billy ci ha detto che ha sviluppato il suo senso all’incirca qualche settimana prima e da allora sono iniziate anche a comparire sui giornali le notizie sugli strani omicidi e sparizioni.» Betty si girò soddisfatta verso Donovan. «E questo significa che siamo sulla pista giusta. Anika deve aver incontrato il creatore della Bocca dell’Inferno nello stesso periodo. Sai che persone o luoghi frequentava all’epoca?»
«I soliti posti e le solite persone» rispose Donovan. «I compagni a scuola e poi stava spesso all’ospedale, dove lavorano i suoi genitori. Sono chirurghi, è proprio all’ospedale che ci siamo parlati la prima volta.»
Betty si picchiettò il mento con l’indice della mano destra. Anche se la maggior parte delle stranezze riconducevano alla scuola, ci passavano la maggior parte delle loro giornate e non avevano mai notato nessuno di sospetto. Non poteva essere lì che Anika aveva incontrato il suo “benefattore”. In più poteva essere un caso, ma ricordò che Eddie, il ragazzo che l’aveva aggredita la sera in cui aveva incontrato il suo primo vero vampiro e Billy, lavorava come infermiere.
«A cosa stai pensando?» le domandò Donovan, notando la sua espressione assorta.
«Preparati. Andiamo all’ospedale.»

«Niente da fare. Michelle è ancora impegnata e non può venire» disse Betty, rimettendo il telefono in tasca e girandosi verso Donovan fermo immobile davanti all’ingresso dell’ospedale. «Sembri preoccupato. C’è qualche problema?»
«Ecco… e se incontriamo i genitori di Anika?» domandò perplesso. «Cosa gli racconto se mi chiedono di lei?»
«Dubito che si ricordino di aver mai avuto una figlia. Sarebbero venuti a farti domande mesi fa, quando è scomparsa.» Betty spinse la porta ed entrò nell’edificio.
Donovan le fu subito dietro. «Aspetta, dove vai? Non sappiamo neanche cosa cercare. Se non possiamo fare domande ai genitori di Anika, a chi chiediamo informazioni?»
Betty smise di ascoltarlo. Osservò la sala d’aspetto semivuota, c’erano poche persone sedute a compilare dei moduli e un’infermiera in uniforme viola seduta dietro il bancone della reception. Sbatté le palpebre, quel luogo le sembrava familiare, era già stata in ospedale altre volte, ma la sensazione era diversa. Era come uno strano déjà vu.     
«Betty, ci sei?» la scosse Donovan. «Che facciamo?»
Betty si riscosse, ma con la sensazione ancora vivida. «Conoscevo qualcuno che lavorava qui. Faccio un tentativo.» Si avviò verso il bancone e si sporse verso l’infermiera. «Buonasera, mi scusi vorrei sapere se…» le parole le morirono in gola. In piedi e immobile, alle spalle della donna c’era la Prima Cacciatrice.
«Hai bisogno di qualcosa?» le chiese l’infermiera con lo sguardo di chi sa di avere davanti un’idiota.
«Io…io…» Betty non riusciva a staccare gli occhi dalla Prima Cacciatrice che la fissava a sua volta.
«Cosa stai guardando?» domandò l’infermiera voltandosi all’indietro e poi tornando a osservarla spazientita.
«Scusi, la mia amica vuole sapere cosa dobbiamo fare per un possibile caso di… intossicazione alimentare» intervenne Donovan, avvicinandosi a lei.
La donna lo squadrò con fare sospetto. Poi prese un formulario davanti a sé e glielo porse insieme a una penna. «Compilatelo e aspettate che vi chiami per la visita al pronto soccorso.»
Donovan li afferrò e trascinò Betty via dal bancone. «Ok, grazie mille.»
«Sicuro che la tua amica non abbia una reazione allergica?»
«No, no. È solo una brutta intossicazione da hot-dog. Doveva sentire il suo stomaco mentre venivamo qui.» Donovan si accomodò su una delle  sedie e tirò Betty a sedere vicino.
«Donovan io…» sussurrò lei.
«Lo so» rispose lui, fingendo di compilare il formulario. «La vedo anche io. Ora cerca di fare finta di avere mal di stomaco. E smetti di fissare il bancone.»
Betty ubbidì. Abbassò lo sguardo e si strinse le braccia intorno alla pancia.
Poco dopo il telefono della reception squillò e sbuffando, l’infermiera sollevò la cornetta ascoltò seccata e rispose: «Sì, arrivo.» Uscì dalla sua postazione  imboccò il primo corridoio a destra.
Betty sollevò lentamente la testa e vide la Prima Cacciatrice ferma al suo posto. «Cosa facciamo?» domandò.
Donovan lasciò penna e foglio sulla sedia vuota all’altro lato. «Non lo so. Non capisco neanche ci fa qui. Non c’era quando siamo entrati.»
La Prima Cacciatrice scivolò fuori dalla reception e camminò verso di loro. Si accovacciò e si fermò a osservarli. «Ciò che cercate non è ciò che vi aspettate.» Indietreggiò e poi proseguì fluida verso il corridoio di destra.
Betty balzò in piedi, imitata da Donovan, ed entrambi la seguirono.
«Cosa intendeva con quella frase?» le chiese Donovan
«Non ne ho idea, ma non perdiamola di vista.»
La Prima Cacciatrice proseguì verso una porta, la aprì dando sulle scale e iniziò a salirle.
Betty e Donovan fecero lo stesso e mentre terminava la prima rampa, lei capì il motivo della sensazione di poco prima. «È come nel sogno.»
«Cosa?»
«Quello che stiamo facendo» continuò Betty. «È successo qualcosa di simile quando ci siamo addormentati a casa di Michelle facendo la maratona degli episodi di Buffy. La Prima Cacciatrice ci ha riuniti e ci ha dato un avvertimento. Ed eravamo in un ospedale.»
Terminarono le rampe arrivando all’imboccatura del primo piano. La Prima Cacciatrice aprì la porta e s’insinuò nel corridoio.
Standole alle calcagna, Donovan domandò: «Vuoi dire che ci sta portando da chi ha ricreato la Bocca dell’Inferno? Perché proprio ora?»
«Non ne sono sicura, ma forse siamo capitati per caso nel posto giusto.»
La Prima Cacciatrice scrutò le varie porte chiuse delle camere sui due lati, come se potesse vederci attraverso, ma non si fermò e prosegui fino in fondo al piano. Arrivata alle ultime quattro stanze, si voltò in direzione della parete sinistra e girò il pomello dell’ultima camera. Si voltò indietro, dando uno sguardo a Betty e Donovan e poi entrò.
Betty avanzò per fare lo stesso, ma la porta della stanza a fianco si spalancò e presa dal panico si bloccò. Donovan l’afferrò, la spinse contro il muro che chiudeva il corridoio e la baciò sulla bocca. Impreparata, non reagì. Con la coda dell’occhio vide un gruppo di ragazzi sovrappeso uscire dalla camera, che dopo averli notati e aver abbozzato un sorriso, corsero verso l’ingresso del piano. Aprirono la porta e scesero le scale, scomparendo dalla sua visuale.
Una figura non identificata, richiuse la stanza e di nuovo calma, Betty scostò con forza Donovan. «Che diavolo fai?»
«Improvviso» rispose sorridendo.
«E se fosse uscito un dottore o un infermiere?»
«Se ci avessero detto qualcosa, avrei spiegato che eri triste per un parente malato e ti stavo consolando.» Donovan girò il pomello della porta che aveva toccato la Cacciatrice e l’aprì. «Muoviamoci prima che arrivi qualcun altro.»
Betty non ribatté. Entrò dietro di lui nella camera e si guardò intorno. «La Prima Cacciatrice non c’è.»
«Oh mio… Betty, guarda!» la chiamò Donovan agitato.
Betty si voltò verso il letto e capì la ragione di tanto sconcerto. Un uomo era steso nel letto. Sembrava stesse dormendo, anche se dai tubicini che gli uscivano dal naso intuì che non era immerso in un semplice sonno, ma il tratto che la sconvolse erano i suoi lineamenti. Le ricordavano senza dubbio quelli di qualcun altro. «Non è possibile. Quest’uomo assomiglia in modo impressionante a Billy.»   
                               

                                        Continua…? 

2 commenti:

Lady Red Moon ha detto...

Cooosa!! Ok dopo questo capitolo sto formulando ogni genere di teoria ma quella che ho formulato appena ho letto il capitolo è questa: sempre pensando alla frase Ciò che Cercate non è Ciò che vi Aspettate credo che il Billy che conosciamo sia in realtà la proiezione astrale del tizio in coma o una cosa così perché mi sembra strano che non sappia che suo padre è vivo a meno che quello nell ospedale non sia davvero il padre di Billy nascosto da qualcuno

Ezio ha detto...

Ciao Lady Red Moon!
Posso solo dirti che ci stiamo avvicinando alle grandi rivelazioni Se scrivessi di più svelerei troppo ;)