martedì 11 febbraio 2020

Darklight Children - Capitolo 108


CAPITOLO 108
La verità sulla donna del sogno



Patrick sbadigliò rumorosamente. Era solo nella sala ristoro del C.E.N.T.R.O. in cui si era sistemato fin dalle prime ore del mattino per le sue ricerche e non doveva preoccuparsi di eventuali occhiatacce. Allungò le braccia verso l’alto e si stiracchiò la schiena indolenzita per il tempo trascorso chino sulle carte sparse davanti a lui sul tavolo.
Non aveva chiuso occhio. Appena i ragazzi erano tornati alle rispettive abitazioni, lui era andato nell’appartamento di Angelo Moser. Non sapeva quando la notizia della sua morte sarebbe giunta alle orecchie dell’Ordine – o se ci fosse un modo per avvertirli di persona – e non poteva rischiare che qualche indizio prezioso nella lotta a DiKann, probabilmente presente nei documenti dell’uomo, sparisse nel nulla senza spiegazione.
Per sua fortuna, il rapporto con Moser era migliorato nei tempi successivi alla distruzione del Portale Mistico e Angelo si era fidato abbastanza da rivelargli dove teneva un doppione della chiave di casa. Mentre aveva girovagato per le stanze vuote, Patrick si era sentito comunque un ladro.
Sfiorò con le dita il plico di dossier alla sua destra ancora da esaminare e ricordò con orrore come fosse divelto lo sportello della cassaforte in cui li aveva trovati. Era lo stesso nascondiglio in cui Angelo aveva riposto il Ritus, un cimelio che aveva pagato con la sua vita.
«Ti disturbo?»
La voce sottile e flebile di Samuele lo fece tornare al presente e girare verso la porta. «No. Entra pure» rispose.
Il ragazzino si fece avanti e gli posò sotto il naso una tazza fumante di caffè. «Ho pensato che ne avessi bisogno.»
«Grazie» rispose Patrick, soffiando sulla superficie del liquido e dissipando in piccoli fili i fumi di vapore.
«Hai trovato qualcosa di utile?»
Lui bevve un lungo sorso di caffè. «No. Niente.»
«La professoressa Cluster, il dottor De Santi e il resto degli insegnanti sono nella stessa situazione» riferì Samuele. «Non trovano un punto debole o un’arma abbastanza forte con cui attaccare DiKann.»
«Non perdiamo le speranze. Ho ancora diversi documenti da controllare» provò a rassicurarlo Patrick, indicando con la mano libera il plico.
«Se vuoi, posso aiutarti.»
«Certo» rispose Patrick, spostando la sedia al suo fianco. «Mi fanno comodo un altro paio di occhi.»

Qualche ora più tardi, il suono di numerosi passi che si avvicinavano raggiunse Patrick e Samuele e poco dopo, Hans Strom entrò con al seguito i sei ragazzi e Marcus. Ognuno di loro prese posto al tavolo e guardarono incuriositi il materiale sparso.
«Wow! Ne hai trovata di roba» gli disse Davide. «Una collezione privata o del C.E.N.T.R.O.?»
Patrick scosse la testa. «Appartiene tutto ad Angelo Moser. O meglio apparteneva.»
Nessuno ebbe il coraggio di dire altro e abbassarono tutti lo sguardo.
«Mi dispiace per lui, ma non possiamo perdere tempo » fece Hans, rompendo il silenzio. «Non ce ne rimane molto prima che il mio incantesimo termini e questo sarà sicuramente il primo luogo in cui DiKann verrà una volta libero.»
«Cosa possiamo fare?» domandò Samuele. «Nessuno ha trovato nulla da usare.»
«Gli Anziani dell’Ordine non ci hanno lasciato alcun indizio» commentò amareggiato Hans. «Forse fu proprio perché non sapevano come contrastarlo, che poterono solo imprigionarlo.»
«Eppure ci deve essere dell’altro» intervenne Naoko. «Il signor Moser sembrava sempre pronto a ogni evenienza. Anche quando ci ha fornito i nostri Registri, ci ha involontariamente dato un mezzo per salvare la situazione.»
«Giusto!» esclamò Marcus battendosi un pugno sul palmo. Guardò Sara, Sabrina e Yuri. «L’indizio potrebbe essere nelle altre vite. Nel passato eravate alla corte di DiKann, non ricordate niente di utile? Qualche segreto, storia o voci su di lui?»
«Gli unici ricordi sul passato ci hanno portato a scontrarci con gli spiriti di chi abbiamo ucciso» raccontò Yuri.
«E l’ultima cosa che farebbero è aiutarci» aggiunse Sara.
«Non tutti» s’intromise Leonardo. Patrick lo guardò incuriosito. Dal suo volto parve che  un ricordo sepolto sotto altri, si fosse appena mosso nella testa. «C’è qualcuno del passato che odia DiKann quanto noi. Tua madre, sorellina.»
Sara lo guardò confusa. «Che stai dicendo?»
Leonardo si alzò in piedi e passeggiò per la sala. «Non so perché mi torna in mente solo ora, ma da quando sono “risorto” lei ha sempre cercato di darmi una mano. Anzi anche prima. Mi ha istruito su come usare la mia forma astrale per raggiungervi e spiegarvi che ero vivo.»
«Non ci capisco più niente» sbottò Sabrina. «Se avevi un’alleata da tutto questo tempo, perché non ce ne hai mai parlato?»
«Non è colpa sua» s’intromise Hans. «L’intervento di Kaspar sull’Incantesimo della Memoria deve aver in qualche modo inibito le interazioni tra Leonardo e lo spirito. Ora che è stato eliminato, i ricordi stanno tornando.»
Leonardo annuì. «All’inizio credevo fosse solo un sogno, ma ora so che lei è l’unico essere umano che ho ucciso nella mia vita passata e non serba rancore verso di me perché da allora ho protetto sua figlia. È perfino comparsa a salvarmi quando ero prigioniero delle illusioni di Jonathan e mi ha lasciato un messaggio…o forse un avvertimento… su questo sono ancora un po’ confuso…»
«Era qualcosa sul tipo “Dal profondo divora” o “Salva la cheerleader, salva il mondo”?» provò a suggerire Davide. Gli altri lo guardarono come se fosse impazzito. «Si concentra meglio se gli esempi vengono da serie TV» si giustificò.
«Non sono sicuro. Forse era più simile a: “La magia ha sempre un prezzo”» disse Leonardo.
«Leo! È una cosa seria» lo rimbeccò sua sorella. «Questa donna può aiutarci, o no?»
«Glielo chiederà direttamente» rispose Hans. «Posso usare i me ipoetri telepatici per portarlo in uno stato di trance in cui può incontrarla.»
«Allora voglio esserci anche io» affermò Sara. «In fin dei conti era mia madre.»
«Collegare due menti è complicato e non so se abbiamo…»
«Noi abbiamo già un legame mentale» lo interruppe Sara.
«In questo caso, non ho obiezioni.» Hans guardò Leonardo in attesa di una risposta.
«Va bene» acconsentì Leonardo. «Cosa dobbiamo fare?»
Hans girò due sedie davanti a lui e si mise in piedi. «Sedetevi qui. Samuele, dì alla professoressa Cluster di darti incenso e petali di giglio.»
Samuele ubbidì uscendo dalla stanza.
«A cosa servono?» domandò sospettoso Patrick.
«A potenziare il nostro esperimento» rispose. Si rivolse ai gemelli, che avevano preso posto di fronte a lui. «Come avete tenuto a bada gli spiriti?»
«Abbiamo diviso il fardello delle colpe» rivelò Sara.
«E credo che loro abbiano trovato uno spazio nelle nostre menti» ipotizzò Leonardo.
Hans trasse un sospiro. «Cercate di svuotare la mente da ogni pensiero. Dovete raggiungere il luogo di pace in cui avete dato ospitalità agli spiriti. Chiudete gli occhi e provate a sincronizzare il vostro respiro.»
Mentre i gemelli si impegnavano a mettere in atto quella richiesta, Patrick notò Samuele rientrare accompagnato da Clara. La donna accese il bastone di incenso e lo agitò lungo il perimetro della stanza.
«Samuele sistema i petali sul tavolo, il più vicino possibile ai due ragazzi. Voi altri, dovrete restare in completo silenzio» ordinò la donna.
Sara e Leonardo iniziarono a respirare simultaneamente e l’odore d’incenso si mischiò a quello dolciastro del fiore, penetrando nelle narici.
«Bravi» sussurrò Hans. «Ci siamo quasi. Conterò fino a dieci e poi le vostre menti vi porteranno dalla donna. Uno. Due. Tre. Quattro.»
Patrick osservò le palpebre dei due ragazzi abbassarsi al procedere di ogni numero e prima che l’uomo terminasse il conto, erano già in trance.  

Sara e Leonardo si tenevano per mano e intorno a loro tutto era completamente bianco.
«Sembra la Stanza Incandescente della Fenice della Corona» sussurrò lui.
«Basta con le citazioni da serie TV» replicò spazientita Sara.
«Non è una serie TV, è un fumetto… » poi si zittì. Una donna in abito scuro avanzava sicura verso di loro. «Mayka!» la chiamò.
La donna era ormai a una spanna da loro e sorrise. «Ti avevo detto che avresti ricordato il mio nome al momento opportuno. Sono felice di potervi vedere entrambi.»
Sara la scrutò. Il suo volto era sincero e gentile, reso ancora più rassicurante dai capelli castani raccolti in uno chignon. E con sua sorpresa le sembrava anche familiare. «Sei la madre che ho avuto in passato?»
Mayka annuì. «Quando avete riavuto i vostri ricordi sull’altra vita, come gli altri spiriti volevo vendicarmi. Ma quando l’essenza di Leonardo venne strappata con violenza dal suo corpo, il legame con lui mi ha permesso di vedere il tuo affetto e il dolore per la sua perdita. Così ho capito che il giovane che mi aveva ucciso con rabbia era sparito e dovevo aiutarlo in questa vita a ricongiungersi con te. Almeno una volta dovevo salvarti.»
«Ora tutto è più chiaro. Ecco perché sapevo che formula usare per dividerci gli spiriti» disse Leonardo. «Ti ho chiesto come riavere indietro mia sorella e tu me l’hai insegnata.»
«Subito dopo però qualcosa mi ha reso difficoltoso comunicare con te» rivelò la donna.
«Sì, ma è una lunga storia e noi siamo un po’ di fretta» rispose Sara. «Sei ancora disposta ad aiutarci? Questa volta sarà più difficile: dobbiamo sbarazzarci di DiKann.»
«Sono secoli che non aspetto altro» fece Mayka. «Nei pochi istanti in cui riuscivo a ricollegarmi con Leonardo, ho provato a metterlo in guardia sulla precarietà del Sigillo: una volta infranto DiKann avrebbe cercato di convincervi che è imbattibile, ma è una bugia.» 
I gemelli la guardarono fiduciosi. «Ne sei certa?» domandò Sara.
«Ho svolto ricerche su quel demone fin da prima che mi convincesse a giacere con lui e forse è proprio questo che lo ha fatto interessare a me» ammise Mayka. «Dall’attimo in cui ti ha strappato dal mio seno, ho dedicato la mia vita all’occulto. Vi risparmio i particolari, ma alla fine ho scoperto il segreto del demone: in origine lui era umano.»
«Nessun documento dell’Ordine riporta questa informazione» notò Leonardo.
«DiKann si è premurato bene di uccidere chiunque ne era a conoscenza, ma per mia fortuna avevo imparato a invocare i morti.» Mayka scosse la testa come a voler allontanare un brutto ricordo. «A ogni modo, in origine era un alchimista che riuscì a trasmutare la propria anima in frammenti di essenza demoniaca. Quella è l’origine del suo potere e anche il suo punto debole.»
Sara aggrottò la fronte confusa. «In che modo è entrambe le cose?»
«Avendo in sé parti di più demoni può attingere a vari poteri» spiegò Mayka. «Allo stesso tempo però, se un’anima umana rientra nel corpo, anche se solo per pochi istanti, può purificare le essenze demoniache sia all’interno e che all’esterno del corpo e a quel punto DiKann non sarà altro che polvere.»
«Ma se non possiamo usare la sua, dove la troviamo un’altra anima da sacrificare?» chiese Leonardo, temendo in parte la risposta.
«Non vorrai offrirti tu?» domandò Sara.
«Se potessi lo farei» disse con un sorriso amaro la donna. «Purtroppo con le mie ricerche ho praticato anche magia proibita e non sono sufficientemente pura. Però so che con voi ci sono altri spiriti.»
«Dopo l’ultima volta che li ho visti, non credo che siano ben disposti ad assecondarci» replicò Leonardo.
«Forse spiegando che si tratta dell’unico modo per distruggere DiKann, accetteranno» propose Sara. «Dobbiamo almeno tentare.»
Mayka diede loro le spalle. «Avete sentito Anime Insoddisfatte? Fatevi avanti e ascoltate questa richiesta» li richiamò.
Il corteo di spiriti grigi apparve in rapida successione, macchiando con il loro colorito il bianco incontaminato di quel luogo. Si strinsero intorno a loro in cerchio, senza far intuire nulla dai loro volti.
«Abbiamo udito la vostra intenzione» annunciò una donna che già tempo prima si era rivelata ai gemelli e aveva spesso preso la parola. «Tuttavia non era quello che ci era stato promesso per placare il nostro rancore. Per quanto aneliamo la fine del Re Demone, nessuno di noi è disposto a perdersi nel farlo. La nostra riposta è no.»
«Un momento, non puoi parlare anche a nome mio» lo spirito di un uomo di mezza età si fece avanti, creando una fessura nel muro di spettri. «Io accetto questo incarico. Mi offro per essere la vostra arma.»
Mayka lo osservò con sguardo accondiscendente. «Ne sei certo? Uccidendo DiKann, svanirai anche tu. Sei pronto a perdere il diritto della pace eterna?»
«Solo sapendo che quel demone è svanito per sempre, avrò veramente pace.» L’uomo li guardò dritto negli occhi. «Accettate?» 
Sara lo fissò dubbiosa. Non lo riconosceva, ignorava chi fosse e pensò che si trattasse di una conseguenza della condivisione con il fratello. Aveva la sensazione che ci fosse un secondo fine nella sua offerta. «Forse dovremmo va…»
«Sì, accettiamo e ti ringraziamo» la precedette Leonardo.
Mentre gli spettri svanivano, restando comunque in quel luogo in cui gli era concesso di sostare, Sara si rivolse a Leonardo. «Perché non mi hai consultata? Come sai che non si tirerà indietro all’ultimo momento?»
«Io… non so dirtelo con precisione…» rispose Leonardo, osservando Mayka che congedava l’uomo con gentilezza. «Nel suo sguardo però c’è qualcosa che mi ispira fiducia.»
Mayka li raggiunse. «Al momento del confronto finale, io guiderò il vostro alleato. Ora andate, dall’altra parte c’è chi vi aspetta con ansia.»
Leonardo e Sara chiusero gli occhi e il candore del luogo scomparve dietro le loro palpebre.  

                                         
                                                  Continua…

giovedì 6 febbraio 2020

Darklight Children - Capitolo 107



CAPITOLO 107
Comprensione, negazione e accettazione



Naoko rincasò dopo le 02:30. Scintilla e Ombra zampettavano assonati dietro di lei. Chiuse delicatamente la porta e girandosi per andare in camera, notò che la luce del salone si era accesa.
«Bentornata» l’accolse serio suo padre.
Sua madre, Sonomi, la squadrò da capo a piedi senza proferire parola.
Naoko rimase a bocca aperta vedendoli seduti sulle poltrone ad aspettarla. Non era qualcosa che facevano abitualmente.  «Papà… mamma… non pensavo di trovarvi alzati.»
«Come è andata la festa?» domandò Ernesto Mancini.
«Bene» mentì. Poi si ricordò del consiglio di Hans Strom. Doveva raccontare tutta la verità. Avrebbe voluto farlo con calma la mattina seguente, ma i suoi genitori erano già lì svegli, era inutile rimandare.
Trasse un lungo sospiro e avanzò nel salone, mentre i gatti nero e bianco si accasciavano in una cesta, messa apposta per loro, vicino a un mobiletto nel corridoio all’ingresso.
Ferma in piedi di fronte ai genitori seduti, disse: «C’è qualcosa di cui volevo parlarvi da tempo e ormai non posso più aspettare.»
«Ti ascoltiamo» fece Ernesto pacato.
«Bene.» Naoko cercò di mettere insieme le parole nella sua mente perché le sembrasse sensato quello che stava per dire. «Quando vivevamo in Giappone, tu mamma e anche Obaba Suzu, mi raccontavate tante storie e leggende del passato e di come a volte le vite che ci lasciamo alle spalle hanno conseguenze in quella del presente.»Si fermò per controllare la loro prima reazione. Suo padre la fissava attento e sua madre annuì lievemente. «In quei racconti c’è sempre un fondo di verità e nel mio caso ben più di un po’. Sono Naoko, vostra figlia, ma anche Noriko, mezzo demone vissuta secoli fa  e rinata per espiare la colpa di aver scatenato una cruenta guerra tra mezzo demoni e demoni. Purtroppo, nonostante tutta la mia buona volontà, un male antico si è liberato questa notte e il mio compito è combatterlo. Forse… una battaglia da cui non tornerò.»
Sonomi si alzò di scatto e la strinse tra le braccia. «Bambina mia» singhiozzò.
Naoko giudicò quella reazione come il segno che non le credessero,  peggio la prendessero per pazza, così si allontanò dal petto materno. «Mamma, è tutto vero. Ho dei poteri. Non sono molto appariscenti, quindi non posso mostrarveli apertamente, ma comunico con Ombra e Scintilla e con altri gatti.»
Ernesto si alzò a sua volta. «Tranquilla, sappiamo che hai detto la verità. Tua nonna ci aveva messo in guardia.»
Lo guardò stupita. «Obaba? Quando?»
«Questa sera, qualche minuto dopo che sei uscita per la festa» le rispose il padre e guardò la moglie. «Ha detto… Sonomi, cosa ha detto di preciso?»
La donna si asciugò le lacrime dalle guance. « Mi ha parlato in giapponese. “Un male potente è sorto. Naoko si confiderà con voi. Credete alle sue parole e lasciate che abbracci il suo destino.” Avrei voluto sapere di più. Ma conosci tua nonna. Rivela le sue predizioni solo quando è strettamente necessario, senza dilungarsi.»
Naoko sorrise. «Obaba viene sempre in mio aiuto.»
Il padre le si avvicinò e la strinse forte a sé. «La mia piccola guerriera.»
La madre le accarezzò i lunghi e setosi capelli scuri. «Giurami che di qualunque prova si tratta, farai attenzione.»
Avvolta dall’abbraccio paterno, Naoko rispose: «Lo giuro.»

Sabrina era rientrata da poco più di un’ora quando sua madre, di ritorno dal suo impiego di cameriera, la trovò acciambellata sul divano.
«Come mai ancora in piedi?» domandò Miranda Corti. Poi aggiunse. «Oh già, la festa di Leonardo. Non sembri una che si è divertita. Ti senti bene? Hai un aspetto tremendo.»
«È stata una lunga serata e so che sei stanca per il turno al ristorante, ma ho bisogno di parlarti.»
La madre raddrizzò le spalle, come se il peso del lavoro le fosse scivolato di dosso. «Va bene. Parliamo.»
«Andiamo in cucina» propose Sabrina. «Preparo del caffè.»
«È meglio una camomilla» le rispose.
Mentre riempiva un bollitore d’acqua e lo metteva sul fuoco, Sabrina raccontò gli avvenimenti che l’avevano portata a rimanere incinta di Yuri.
«E c’è dell’altro» continuò prendendo due tazze dalla credenza e depositando le bustine di camomilla all’interno. «Il bambino era un demone ed è stato ucciso questa notte per liberare un demone ancora più forte. Devo affrontarlo, non solo per vendicare mio figlio, ma perché è l’unica possibilità di salvare il mondo.» 
Miranda si alzò da tavola. Spense il fuoco sotto il bollitore e versò l’acqua nelle tazze. «Da quello che dici, mi pare di capire che hai avuto modo di parlare con tuo padre. Sapevo che prima o poi sarebbe successo. Anzi, a essere sincera, da quando settimane fa hai menzionato il nome di Hans Strom ero sicura che i problemi non avrebbero tardato ad arrivare.»
«Avresti dovuto dirmi chi era mio padre» l’accusò, trattenendo la rabbia.
«Avresti dovuto dirmi che eri rimasta incinta» ribatté sua madre.
Entrambe rimasero in silenzio e sorseggiarono la camomilla.
Miranda allontanò la tazza dalle labbra. «Mi serve dello zucchero.» 
«Ci pensò io» disse Sabrina fermandola. Allungò il braccio sinistro verso la credenza aperta e la zuccheriera galleggiò nell’aria fino a posarsi sulla superficie del tavolo.
La madre la guardò con espressione indecifrabile. «È questo il tuo potere? L’eredità di tuo padre?» Nel suo tono non c’era odio o rancore, solo curiosità.
Sabrina annuì. «Sposto le cose con la forza della mente.» Spinse poi con la mano la zuccheriera verso di lei. «Hans mi ha detto che ti raccontò tutto quando eri incinta, ma lo cacciasti spaventata. Hai paura anche di me?»
«Non dire sciocchezze.» Miranda prese il cucchiaino dal barattolo e raccolse due manciate di polvere bianca, riversandole nel liquido giallognolo. «Hans aveva idee pericolose… voleva cose che all’epoca reputai troppo grandi per lui e per noi. Non era il suo potere a farmi paura, ma la sua idea di preparare una guerra.» 
«Ora dovrò comunque combatterla.»
«No »replicò l’altra. «Lasciamo la città. Tu e io. Andiamo dove vuoi, il più lontano possibile da qui.»
«Non servirà a niente» rispose desolata. «Se non fermiamo DiKann, l’intero mondo non sarà più un posto sicuro per nessuno.»
«Per questo ti volevo lontana da Hans. Ti ha messo lui in testa queste idee di dover lottare.»
Sabrina scosse il capo. «No, mamma. Voglio farlo di mia volontà. Da quasi un anno la mia vita è stata stravolta e ho visto e affrontato più di quanto credevo possibile. Tutte le volte che ero convinta di non farcela, di essere spacciata, i miei amici erano lì con me e insieme sistemavamo tutto. Non so come, ma ce la faremo anche questa volta, però solo se siamo uniti.»
La madre le accarezzò la guancia. «Sei proprio cresciuta. È chiaro che non posso dire o fare niente per fermarti. Quando ti metti in testa qualcosa, non cambi idea. E questo lo hai ereditato da me. Dopo che avrai salvato il mondo, troveremo un modo per convivere con la presenza di Hans. Se lo vorrai.»
Sabrina sorrise. «Perché no? Potremmo fare un tentativo.»
Si strinsero la mano, per la prima volta Sabrina provò un senso di pace, bevendo la camomilla come una coppia di vecchie amiche che si erano appena ritrovate.

Paola Angeli lo osservò sbalordita mentre entrava in cucina, dove lei si stava preparando il caffè. «Già in piedi alle sei del mattino? C’è qualche ricorrenza che mi sono dimenticata?»
Davide la guardò inarcando un sopracciglio. «Cosa?»
«Generalmente, quando la sera fai molto tardi, svegliarti è impossibile. A dire il vero ogni mattina svegliarti è un impresa. Vederti già pronto e vestito così presto è un vero evento.»
«Ah sì…» prì il frigorifero e prese la confezione in cartone del succo d’arancia. Tolse il tappo di plastica e bevve avidamente a canna. Avrebbe preferito qualcosa di più forte, visto il discorso da affrontare, ma doveva accontentarsi. «Dobbiamo parlare.»
«Lo sapevo che c’era sotto qualcosa» sbottò sua madre, rovesciando parte del caffè fuori dalla tazza mentre lo versava. «Cosa hai combinato questa volta? Hai fatto il bullo con qualche ragazzino? Risposto male a un professore? Fatto troppe assenze?»
«La scuola non c’entra niente.»
Sua madre lo scrutò allarmata. «È coinvolta la polizia? Hai fatto qua…»
«Mamma! Vuoi stare zitta e ascoltarmi un secondo?» la interruppe esasperato. «Si tratta di me. Non sono come gli altri. Ho poteri speciali e devo combattere un demone per salvare questa città e forse il mondo.»
La madre posò la tazza sul ripiano in marmo accanto alla piastra dei fuochi. «Se è uno scherzo, non lo capisco. Dimmi chiaramente di cosa si tratta e facciamola finita.»
«L’ho appena fatto.»
«Per favore, smettila di prendermi in giro» ribatté lei seria. «In questi ultimi mesi mi sembravi cambiato. Ero convinta che stessi mettendo la testa a posto e mi sembrava che l’influenza di Leonardo Martini ti facesse bene. Ma se adesso ricominci a comportarti da irresponsabile.»  
Davide sbuffò. Piegò le dita della mano sinistra a semicerchio e un campo di forza grigiastro  avvolse la tazza della madre. «Ora mi credi?»
Lei spostò rapidamente lo sguardo dal figlio alla tazza sotto la cupola e poi di nuovo al figlio. «Cos’è? Come ci sei riuscito?»
«È un campo di forza psichico. Il mio potere mi fa creare queste barriere» spiegò. «Posso raccontarti tutta la storia di come mai ho questo dono e perché sono un mezzo demone.»
Paola si mise una mano tra i capelli castano chiaro. Deglutì e poi scosse la testa. «No. È tardi. Devo andare.»
Lo sorpassò arrivando alla porta. Lui si girò e disse: «Questa battaglia contro il demone… potrei non uscirne vivo.»
Sua madre si bloccò. Rimase immobile qualche secondo. Andò verso di lui e lo baciò sulla guancia destra. «Non capsico cosa vuoi ottenere con questa storia, ma ti prego, cerca di non metterti nei guai.»
Davide la osservò confuso mentre usciva dalla cucina. Si chiese che razza di risposta era. Poteva mettersi più nei guai di così? Poi scrollò le spalle. Probabilmente a sua madre serviva più tempo per assimilare quel colpo. Peccato che non fosse sicuro che ne avrebbero avuto.

Yuri ripeté mentalmente più volte il discorso da fare ai genitori. Ogni volta cambiava l’ordine delle parole, ma questo non semplificava quello che doveva dire.
Uscì dalla stanza e si diresse in cucina, dove sua madre e suo padre stavano facendo colazione seduti al tavolo.
 «Alla buon’ora» lo accolse suo padre, terminando il caffè.
«Tesoro, sono quasi le otto» intervenne sua madre. «Farai tardi a scuola. Ti preparo un panino con la marmellata da portare via.»
«No, mamma. Devo parlarvi» rispose. «È una cosa complicata e oggi non andrò a scuola.»
«Come?» domandò Giorgio Monti. «Ti spiacerebbe ripetere?»
«Papà, lasciami finire. Io… da quasi un anno… ho scoperto che non sono un ragazzo come gli altri. Sono un mezzo demone. Sono rinato dopo aver dato inizio a una guerra con i demoni e adesso il loro capo è sulla Terra e devo andare a combatterlo per salvare tutti.» Si rese conto di stare sparando a raffica le informazioni, ma al momento di parlare, non era riuscito ad articolare in modo ordinato le idee, come si era preparato.
Sua madre lo fissò con la bocca spalancata. Suo padre strabuzzò gli occhi.
«Ah! Ho anche dei poteri» aggiunse.
«Ti sei drogato» esclamò di colpo suo padre. «Quei poco di buono che frequenti ti anno fatto provare qualche pasticca o roba simile alla loro festa e magari la spacciate anche nel mio locale! Ecco perché ieri sera ve ne siete andati via in quel modo!»
«No! Non mi drogo e nemmeno i miei amici» replicò lui sgomento. «Come puoi pensarlo?»
«Ti sembra sensato quello che hai appena detto? Secondo te è normale raccontare una storia del genere?»
«Giorgio, calmati» s’intromise Carla Monti. «Sono sicura che c’è una spiegazione.»
«Certo: nostro figlio si droga.»
Yuri serrò le mani a pugno. Le allungò davanti al volto di suo padre e le accese con il fuoco. «Dimmi, papà, quale droga può farmi fare questo?»
Suo padre spinse con violenza la sedia indietro e si alzò di scatto. Non parlò, ma guardò il figlio con disgusto e timore. Uno sguardo che ferì Yuri più di quanto avessero fatto le accuse infondate. Spense le fiamme dai pugni, andò verso la porta e si avviò all’uscita.
«Yuri!» lo chiamò sua madre, raggiungendolo. «Io… aspetta. Rispiegami tutto con calma, non so se riusciremo a superare tutto questo, ma sei mio figlio, non te ne andare.»
«Devo. I miei amici hanno bisogno di me e non mi giudicano, mi accettano per quello che sono.»
La madre s’incupì. «Promettimi che quando avrai finito, tornerai a casa. Per favore.»
Yuri si sforzò di sorridere. «Farò il possibile.»

Smettila gli disse mentalmente Sara, fissandolo seduto al suo fianco a osservare la tazza vuota.
Di fare cosa? domandò lui.
Continui a pensare a un modo per dirglielo, ripeti le stesse cose da almeno un quarto d’ora, mi rimbombano in testa e mi dà i nervi.
Allora comincia a parlare replicò Leonardo.
Fallo tu.
Leonardo sollevò la testa e scrutò i genitori ai due capi del tavolo. Sua madre si stava per alzare e mettere le stoviglie della colazione nel lavabo, il padre controllava l’ora per vedere se c’era tempo di leggere il giornale. «C’è qualcosa che devo dirvi» esordì di colpo.
I due adulti lo fissarono incuriositi.
Lui deglutì. «Può sembrare un discorso strano, ma è giusto che voi lo sappiate. Forse non avremo altre occasioni per dirlo e devo togliermi questo peso.»
Grazia e Filippo Martini si scambiarono un’occhiata complice.
«Non devi preoccuparti Leo, lo avevamo già intuito» disse Grazia.
«Davvero?» domandò lui.
«Davvero?» ripeté Sara.
«Certo» continuò Filippo. «Non devi vergognarti. Siamo genitori moderni e ci siamo resi conto… che ecco tu hai simpatie per un ragazzo… sì, insomma, che sei gay.»
«No» rispose Leonardo. «Cioè sì, ma non è di questo che parlavo.»
«Quello che voleva dire è che siamo totalmente diversi dai ragazzi come noi» intervenne Sara. «Entrambi. Abbiamo dei poteri da mezzo demoni e dal giorno del mio rapimento fino a ieri sera, abbiamo avuto a che fare con situazioni soprannaturali. Ora la battaglia finale è vicina e volevamo che sapeste la verità.»
«Battaglia finale? Che significa?» domandò allarmato Filippo.
«E cosa vuol dire che avete dei poteri?»  chiese Grazia, rimettendosi a sedere.
Mostriamoglielo disse telepaticamente Sara.
Solo il teletrasporto rispose Leonardo. Per il resto ci penseremo dopo.
Si presero per mano e mentre un lampo di luce e un vento fugace li avvolgevano, svanirono dalle sedie, per riapparire sull’uscio della stanza.
«Vi ricordate il professor Barbieri?» ricominciò Leonardo. «Era a capo di una setta che venerava un demone. Dopo che ha cercato di sacrificarci abbiamo scoperto che in molti volevano liberare quel demone e ieri notte ci sono riusciti.»
«Ora, insieme ad altri come noi, dobbiamo impedire che il demone trasformi il nostro mondo in un Inferno» concluse Sara.
I genitori rimasero a fissarli in silenzio.
«Dite qualcosa, per favore?» li supplicò sua sorella.
«Avevamo fatto tante supposizioni: sul professore, il sonnambulismo, la morte di vostro zio…» commentò Filippo. «E anche se pensavamo alle cose più assurde, questa è davvero difficile da digerire.»
«Ci riusciremo»  replicò Grazia. «Però questa storia dell’inferno… dovete proprio farlo?»
«Possiamo aiutarvi?» chiese il padre. «Faccio fatica a capire tutta la storia dei mezzo demoni, ma sembrate davvero preoccupati.»
«Potremmo venire con voi. E… non so… raccontare tutto alla polizia. Magari conoscono un modo per non coinvolgervi direttamente» disse la madre.
Leonardo le sorrise. «No, non potete fare niente. E nemmeno la polizia. Ma grazie lo stesso. Ci è sembrato giusto che lo sapeste, nel caso in cui dovesse suc…»
«No» lo interruppe Grazia. «Se dovete affrontare questo demone, anche se l’idea non mi piace, lo accettiamo. Ma niente previsioni negative. Proteggetevi a vicenda.»
«State attenti e appena avete finito, tornate subito qui da noi» fece Filippo.
Leonardo annuì all’unisono con Sara. Si riafferrarono le mani e scomparvero nuovamente.
                                
                                            Continua…

martedì 15 ottobre 2019

Darklight Children - Capitolo 106



CAPITOLO 106
Chiarimenti



Non appena scesero dal pulmino furono accompagnati da due inservienti nella stessa sala ristoro, in cui si erano rifugiati nella loro precedente visita al C.E.N.T.R.O.
A Naoko fu permesso di condurre anche i suoi gatti nella struttura. Ombra e Scintilla giocavano tra loro sul pavimento, davanti ai piedi della padrona, superando più velocemente degli umani i tragici eventi della serata.
Hans li aveva lasciati soli dicendo di dover predisporre delle misure di sicurezza e poi sarebbe tornato per discutere una strategia. Nel frattempo aveva affidato le loro cure a Clara Cluster.
«Posso farvi preparare dei bagni caldi o potete usare le docce, se preferite» offri cordialmente la donna. «E se avete fame, mando i responsabili nelle cucine.»
Tutti declinarono gentilmente. Erano troppo stanchi e sconvolti per compiere qualsiasi azione.
«Potrebbe portarci dell’acqua?» domandò Yuri, notando che Sabrina stava per risvegliarsi.
Clara annuì e uscì dalla sala.
Leonardo passò in rassegna i loro volti. Tutti seduti intorno a un tavolo rettangolare, ognuno perso in pensieri ed elucubrazioni. Nessuno sembrò avere il coraggio di iniziare una conversazione, e d’altro canto lui stesso si ripeteva che non c’era nulla da dire: dovevano stabilire una strategia per combattere DiKann, la battaglia più difficile che avessero mai affrontato, ma non erano per niente prepararti a farlo.
Samuele comparve sulla porta, con il braccio destro stringeva al petto tre bottigliette di plastica sigillate con l’acqua minerale e ne teneva altre due in bilico tra le dita della mano sinistra.
«Ciao» disse vedendo i loro occhi puntati su di sé. «La professoressa Cluster mi ha mandato a portarvi queste.» Posò le bottigliette sul tavolo e poi si girò cercando Marcus. Lo trovò illeso seduto su una sedia e gli corse incontro.
«Samuele…» fece Marcus, mentre il ragazzino gli stava di fronte impalato. Prima che potesse terminare la frase, Samuele gli buttò le braccia al collo e lo strinse.
Leonardo rimase sorpreso. Non aveva immaginato ci fosse un legame così intimo tra i due. Quel gesto però lo rincuorò. Dopo tanta violenza, una sincera dimostrazione di affetto era l’unica cosa di cui avessero davvero bisogno.
«Dove siamo?» domandò Sabrina frastornata, ridestandosi lentamente.
«Al C.E.N.T.R.O. Hans Strom ci ha portati in salvo» rispose Yuri. Aprì una delle bottigliette e la porse alla fidanzata. «Tieni, bevi un sorso d’acqua.»
Lei la prese tra le mani e bevve a piccoli sorsi.
A quel punto Marcus staccò gentilmente Samuele da sé. «Non dirmi che eri preoccupato per me. Sto bene.» Allargò le braccia così che potesse constatarlo di persona. La sua giacca era sgualcita e la camicia e i pantaloni pieni di terra, ma non c’erano segni evidenti della lotta con Erica. «Vedi? Neanche un graffio.»
«La professoressa Cluster me lo aveva detto, ma volevo esserne sicuro.» Samuele si voltò poi in direzione di Patrick. Lo raggiunse e lo scrutò. «Sono contento che stai bene anche tu.»
Patrick sorrise. «Grazie, sei gentile.»
«Samuele, c’è una cosa che devi sapere su Jonathan ed Erica» lo richiamò Marcus.
«Giusto» replicò l’altro accorgendosi solo in quel momento che non li vedeva in mezzo al gruppo. «Come mai non sono qui con voi? Il direttore li ha portati nel suo ufficio per punirli?»
«Non esattamente» temporeggiò Marcus.
Leonardo rabbrividì riportando alla mente il ricordo della loro metamorfosi.
«Vedi, Samuele, i tuoi amici hanno agito in maniera sbagliata, senza pensare alle conseguenze» intervenne Patrick. «Jonathan ed Erica sono…»
«Dei demoni» s’intromise Sabrina con voce rauca. «Lo erano fin dal momento in cui sono entrati qui dentro e adesso lo sono completamente. Sudici demoni da uccidere.»
«Sabrina!» la riprese Naoko. «Non credo sia il modo migliore per dirglielo.»
«Perché?» ribatté lei. «È giusto che sappia con chi ha avuto a che fare.»
Samuele fece scorrere lo sguardo su chiunque aveva parlato fino a quel momento. «Che cosa significa? Cosa hanno fatto Erica e Jonathan e cosa è successo?»
«Sai che esisteva un Sigillo per tenere i demoni lontani dal nostro mondo?» domandò Patrick.
Il ragazzino annuì.
«I tuoi amici lo hanno infranto e hanno liberato DiKann» spiegò con calma Sara. «Hanno agito senza preoccuparsi del male che avrebbero fatto e DiKann ha visto l’oscurità dentro la loro anima.»
«E li ha trasformati in demoni» concluse Samuele. «Non c’è bisogno che mi trattiate come un bambino, sono stato addestrato qui dentro come loro e li conoscevo abbastanza per vedere che non erano dei santi.» Si rivolse quindi a Yuri e Sabrina. «Li avete uccisi?»
«No, sono diventati dei servitori di DiKann» rispose Yuri.
Patrick si alzò in piedi. «Forse ora è meglio che tu vada a dormire. Non credo che i discorsi che faremo siano adatti a…»   
«Invece è giusto che rimanga.» La voce di Hans colse tutti di sprovvista. L’uomo avanzò nella sala e trascinò una sedia a capotavola. «Lui e Marcus sono gli ultimi elementi validi rimasti della nostra squadra speciale.»
Sabrina scattò in piedi. «La tua squadra di assassini addestrati, vorrai dire.»
«Il loro compito è quello di sterminare i demoni» replicò pacato.
La ragazza serrò entrambe le mani a pugno e le alzò di colpo verso il volto. L’uomo venne strappato dalla sedia e sbattuto contro il muro più indietro. «Era questo il tuo piano fin dall’inizio? Hai finto di prenderti cura di mio figlio, per poi ucciderlo per il rompere il Sigillo?» sbraitò.
«Stai delirando» rispose Hans serio. «Fammi scendere. Subito!»
Leonardo si sporse verso l’amica. «Sabrina, per favore calmati.»
Yuri gli fu accanto. «Sei stanca è sconvolta, non agire d’impulso.»
Sabrina strinse gli occhi a una fessura e Hans cominciò a tossire convulsamente.
«Basta! Fermati» gridò Marcus.
Yuri la strattonò, più deciso. «Smettila!»
«Perché?» domandò lei, ingoiando le lacrime. «Nostro figlio è morto. Lui lo teneva nascosto nei sotterranei, credi davvero che non fosse questa la sua idea fin da principio?»
«Forse… o forse c’è un’altra ragione» intervenne Leonardo. «Diamogli la possibilità di spiegarsi.»
Sabrina lo guardò incerta, spostò gli occhi sul volto del fidanzato serio e infine li puntò con odio sul padre, schiacciato contro il muro.
«Ti prego Sabrina» insistette ancora Leonardo, alzandosi dalla sedia. «Quest’uomo non mi sta simpatico e sicuramente agisce per un suo interesse, ma non posso perderti a causa sua.»
«Perdermi?» ripeté lei.
«DiKann ha sfruttato l’odio di Jonathan ed Erica per trasformarli. Sta per arrivare, lo sappiamo tutti e se ti trova in questo stato, lui ti cambierà. Userà il tuo odio per Hans contro di te.» Leonardo la guardò con occhi supplichevoli. «Angelo è morto. Non voglio che succeda anche a te. Ti prego.»
Confusa, Sabrina tornò a fissare in volto Yuri.
«Fa’ come dice» rispose il ragazzo. «Non siamo ciò che DiKann vuole farci diventare.»
Sabrina lanciò un ultimo, indecifrabile sguardo a Hans, poi aprì le mani e le abbassò lungo i fianchi. L’uomo cadde per terra con un colpo secco.
«Ascolteremo quello che hai da dirci, ma a una condizione» disse Davide, mentre il direttore tornava a sedersi. «Niente balle, sotterfugi e doppi giochi. Volgiamo tutta la verità e prima di prendere una decisione, dovremmo essere tutti d’accordo.»
«Sono due condizioni» precisò Hans, tirando la sedia vicino al tavolo. «Ma mi stanno bene, non ho mai avuto intenzione di ingannarvi. Volevo solo che foste pronti per accettare la realtà.»
«Arriva al punto» lo esortò Davide.
Hans lo guardò di sbieco, poi continuò a parlare. «Prima di tutto l’incantesimo con cui ho bloccato DiKann dura solo ventiquattro ore, Quindi ogni minuto che passa ci rimane sempre meno tempo.» Si girò perché il suo sguardo incrociasse quello di Sabrina e Yuri. «Vi avevo già detto che avevo salvato vostro figlio non solo per una questione tra consanguinei. In lui avevo percepito del bene, potevamo istruirlo all’uso dei suoi poteri, prevedevo che voi mi aiutaste e insieme, una volta pronto, lo avremmo portato con noi in battaglia. Non era necessario ucciderlo per rompere il Sigillo, da adulto bastava qualche goccia del suo sangue e forse con lui avremmo avuto qualche possibilità contro DiKann.»
«In questo modo ci sarebbero voluti anni per lanciare un attacco ai demoni» disse Sara.
«Non ho mai detto di volerlo fare subito» ribatté Hans.
«Jonathan ed Erica lo avevano capito» constatò Marcus. «Ecco perché, appena hanno saputo degli Alpha, hanno avuto tutta questa fretta di portare a compimento il nostro addestramento. Sapevano del piccolo demone e del suo piano e non volevano restare imprigionati qui per chissà quanti altri anni.»
«Questo è un altro argomento di cui dobbiamo discutere» s’intromise Patrick. «Tutti i ragazzi che sono al C.E.N.T.R.O. sono stati rapiti. Li ha condotti qui cancellando la memoria ai loro genitori, non è vero?»
«Alla fine te ne sei ricordato. Non li ho costretti, ho spiegato loro che era un sacrificio necessario. Educandoli a usare i loro poteri, li avrei anche preparati a combattere la minaccia dei demoni» rivelò Hans. «E a quanto pare questo significa anche che l’esperimento su di te ha avuto buon esito.»
«Cosa significa esattamente?» domandò Naoko. «DiKann ha detto che Patrick possiede la Vista.»
«Un mio vecchio compagno era un mezzo demone con poteri di chiaroveggenza, che però lo stavano consumando dall’interno» raccontò il direttore Strom. «Il suo dono era troppo importante e prezioso per andare perduto, così mi ricordai di un rituale che avevo letto durante i miei anni nell’Ordine. Era possibile trasferire i poteri di un mezzo demone a un soggetto specifico.»
«Che intendi con specifico?» chiese Patrick.
«Doveva essere qualcuno che avesse nella sua linea di sangue un mezzo demone. Non importa se il ceppo della famiglia che poteva sviluppare i poteri si era interrotto, tramite la discendenza il soggetto era predisposto ad accogliere e sopportare il trasferimento. Nonostante la complicazione della perdita della memoria, tu hai acquisito la capacità di vedere passato e futuro e per nostra fortuna questa facoltà ti ha permesso di connetterti sui gemelli, salvandoli più volte.»
Leonardo ripensò a quanto era accaduto dal suo primo incontro con quell’uomo. Non sapeva se ci fosse un destino che operava oltre la loro comprensione, ma di sicuro, intenzionalmente o meno, Hans Strom aveva dato il suo contributo a dirigere gli eventi in una precisa direzione.
«E adesso cosa facciamo?» domandò Samuele. «Come combattiamo DiKann?»
«A dire il vero, non ne ho idea» ammise Hans. «La mia tattica era di coglierlo di sorpresa scendendo noi nel suo Regno, sfruttando i ricordi degli Alpha. Ovviamente adesso non è più applicabile.»
«Magari c’è qualcosa nei sotterranei» disse Davide. «Non ci ha ancora rivelato cos’altro contengono.»
Lui storse lievemente la bocca nel dover fornire quell’informazione. «Ci sono dei mezzo demoni che non accettano di buon grado la loro situazione. Hanno un’indole violenta e irascibile, per questa ragione, nel corso degli anni, abbiamo preferito tenerli lontani dai loro compagni e sistemarli dove potessimo controllarli ed evitare che facessero del male a se stessi o ad altri.»
«Saranno i primi che DiKann verrà a cercare» replicò Sara. «Soldati con super poteri già pronti a essere trasformati in demoni.»
«In questo caso non ci faremo trovare impreparati.» Leonardo incrociò gli occhi di Hans mentre lo squadrava insieme ai sei compagni che aveva più volte chiamato Alpha. «Ho bisogno di voi. Siete esperti, preparati e con il pieno controllo dei vostri poteri. Se vogliamo sopravvivere, devo poter contare su di voi.»
Dovremmo chiedere tempo per consultarci gli sussurrò nella mente Sara.
Non ne abbiamo le rispose lui. «Va bene» disse poi, prendendosi la responsabilità di parlare a  nome di tutti. «Non mi sembra che abbiamo altra scelta.»
Hans annuì. «Ho già messo al lavoro i miei colleghi, stanno cercando in vari testi antichi qualsiasi allusione a un punto debole di DiKann. Qualunque sia l’esito, domani dovremo prepararci a combattere.»
«E nel frattempo, noi cosa facciamo?» s’informò Yuri.
Hans lanciò un’occhiata colpevole a Sabrina. «Tornate a casa. Raccontate ai vostri genitori chi siete e cosa dovete fare. Potrebbe essere la vostra unica occasione di metterli al corrente e non lasciare niente in sospeso.»


                                                    Continua...