lunedì 21 settembre 2015

Adolescenza sulla Bocca dell'Inferno - Puntata 8

8. Guidati Dalla Falce

Billy brandì la Falce con sicurezza, calò la lama sul collo di Sunday, ma la vampira si mosse con destrezza all’indietro, evitandola.
«Che diavolo è quell’affare?» ringhiò irritata.
«È l’arma suprema delle Cacciatrici» rispose Billy, avanzando verso di lei minaccioso. «Destinata a loro e parte della loro eredità. Non lo sapevi?»
«Balle!» replicò Sunday. «Se esistesse una cosa del genere, ogni vampiro la riconoscerebbe.»
«A quanto pare non sei poi così informata» rispose Donovan.  
Sunday ringhiò di nuovo, ma più sommessamente. Si voltò verso i suoi sottoposti e urlò: «Cosa aspettate? Un invito ufficiale?»
Simon, Stefan, Caroline e Alice, si gettarono nella caffetteria e presero di mira ognuno una preda.
Billy scattò di nuovo contro Sunday. Non poteva permettere che quei bulli vampiri facessero del male ai suoi compagni e se avesse messo K.O. il loro capo, sarebbero stati meno sicuri di riuscire a sopraffarli. Usando la base della sua arma, mirò deciso con la punta del paletto al cuore della vampira, ma nuovamente lei scansò l’attacco.
Billy rivoltò la Falce e fece scorrere il braccio verso l’alto, sfregando la lama dell’ascia contro il volto vampiro di Sunday e riuscendo ad aprirle un lungo squarcio sulla guancia.
Sunday ringhiò e strillò mischiando i due suoni.
I quattro bulli vampiri che stavano avanzando, si voltarono di colpo a fissarla.
Sunday si toccò la ferita con la mano destra e guardò sorpresa il sangue sulle dita.
Il suo aspetto non era più sicuro, ora appariva vulnerabile, proprio quello che Billy voleva. Sfruttò lo stupore della nemica e riafferrando la Falce all’impugnatura, le corse incontro conficcandole il paletto nel petto.
Sunday rimase a bocca aperta e cadde sulle ginocchia, trascinando sul pavimento anche Billy, che stringeva l’arma.
Vedendola in quello stato, Alice, Caroline e Stefan non mascherarono il loro timore. Senza attenersi alle istruzioni del loro capo, corsero fuori dalla caffetteria.
Simon guardò i quattro umani immobili e indecisi e si abbatté su Billy, affondando i canini sul collo.   
Billy gridò, provò a districarsi, ma era bloccato tra i due corpi. Quello di Simon, che lo teneva fermo alle spalle, succhiandogli il sangue e quello di Sunday davanti a lui, in cui era conficcato il paletto della Falce che gli impediva di muovere il braccio con cui la reggeva.  
«Aiutiamolo» gridò Betty.
«Ci penso io» rispose Donovan.  
Prima che Simon potesse staccarsi da lui, Billy udì un rantolo e poi polvere che si depositava sulla sua schiena. Girò il volto e  vide il compagno incredulo, tenere il paletto a poca distanza, infilzando l’aria.
«Ce l’ho fatta» esultò Donovan. «Ho ucciso un vampiro!»
«Ottimo» si complimentò Billy. Provò a ritrarre il braccio, sorpreso che anche Sunday non fosse già polvere, ma lei gli afferrò il polso.
«Hai fatto male i conti» gli sussurrò. «Il cuore è due dita più in alto.» Sunday gli girò a forza il polso, facendo scrocchiare le ossa.
Billy urlò di nuovo e perse la presa sulla Falce.
Mugugnando, Sunday estrasse la parte dell’impugnatura della Falce intagliata a paletto dal petto e si rimise in piedi.
«Non ti muovere» le intimò Zec. Ruotò la mano sinistra e la Falce venne strappata da una forza invisibile dalla mano della vampira e volò dritta nella sua. «Se fallisci al primo colpo, tenta di nuovo.»
«Non credo proprio» rispose Sunday. Ruggì e scansandoli, corse verso la finestra da cui erano entrati i ragazzi, rimasta aperta. Saltò all’esterno e fuggì nell’oscurità della notte.
Donovan si piegò per aiutare Billy a rialzarsi. «Tutto ok, amico?»
Con la mano sana, Billy si pulì il collo dal sangue che iniziava a seccarsi. «Credo che mi abbia rotto il polso, ma sto bene.»
«Ok, allora andiamocene» disse Michelle.
«No. Dovete trovare gli altri e polverizzarli» rispose Billy. «Non possiamo rischiare che girino liberi di fare altre vittime.»
«Non vieni con noi?» domandò Betty.
Billy provò a mascherare una smorfia di dolore. «Non vi sarei di grande aiuto. E poi è meglio che rimanga qui nel caso tornassero.»
«Ma come faremo da soli? Non siamo esperti come te» disse Michelle.
«Ce la farete.» Billy si voltò verso Zec. «Dai la Falce a Betty e Donovan e voi due afferratene entrambi una estremità.»
«Che cosa hai in mente?» gli chiese Donovan, eseguendo comunque la richiesta e afferrando con la mano libera la parte della falce terminante nel paletto di legno.
«La Falce l’abbiamo creata noi, almeno questa versione» spiegò Billy, facendo segno a Betty di fidarsi come aveva fatto Donovan. «Ci appartiene, ognuno di noi può usarla per cacciare. Quando l’ho toccata, ho capito che possiamo dividerne il potere e dividere l’arma. Quindi, ognuno di voi tiri la parte che regge.»
«La spezzeremo» disse Betty, stringendo le dita poco sotto la lama dell’ascia rossa.
«Fidatevi» rispose Billy. «Non si romperà.»
«Ok, al mio tre» fece Donovan. «Uno. Due. E tre!»
Betty e Donovan si mossero come nel tiro alla fune, trascinando verso il corpo la parte di arma che impugnavano. Con fatica la sentirono scricchiolare sotto i loro sforzi e subito dopo, la Falce  si divise in due metà senza danno. Betty rimase con in mano l’ascia e Donovan con il paletto.
«Straordinario.» Zec li guardò estasiato, poi si riscosse e fissò Billy. «Ma così resterai disarmato.»
Donovan raccolse il paletto buttato a terra da Sunday quando era entrata nella caffetteria e gli porse anche il suo. «Tieni, in caso di cattivi incontri.»
Billy li prese e sorrise. «Dividetevi a coppie e andate a caccia di vampiri.»
«Come li troveremo?» domandò Michelle.
«Lasciate che sia la falce a guidarvi.»

Attraversando il corridoio, Zec osservò il paletto della Falce in mano a Donovan. Avevano deciso che essendo lui ancora in grado di sfruttare il potere telecinetico, spettava al suo compagno tenerla, tuttavia si domandava cosa provasse.
Quando aveva afferrato l’arma completa, una scarica di energia si era diffusa nel suo corpo. Era come un’iniezione di adrenalina mista a una consapevolezza e sicurezza in se stesso che non aveva mai provato. Si domandava se anche solo metà della Falce avesse lo stesso effetto sul ragazzo che gli camminava al fianco.
«È tutto a posto?» gli chiese.
Donovan annuì. «È fantastico. Mi sembra di averlo sempre fatto. Come se avessi l’esperienza di anni di caccia.» Sollevò il paletto e lo guardò ammirato. «Chissà se per le ragazze è lo stesso.»
«Penso di sì. Io ho provato qualcosa di simile quando l’ho tenuta in mano intera.»
«È la stessa sensazione di quando…» Donovan gli indicò il volto con l’indice sinistro. «Insomma… come quando sei in modalità poltergeist barra telecinetico?»
«No. È diverso» rispose Zec. «Questo ha che fare con il dolore.»
«E la rabbia.»
«Cosa? No. E comunque tu che ne sai?»
«Ti ho visto quando lo hai fatto la prima volta. Sulla tua faccia c’era rabbia, eri proprio incazzato nero.» Donovan sorrise. «E non sei bravo a mascherare quello che ti passa in testa.»
«Che vuoi dire?»
Donovan si fermò. «Ti piace Billy.»
«No.»
«Per favore, è tutta la sera che lo fissi in quel modo… per me è ok, voglio dire non ho nessun problema, è giusto che tu sia libero di essere te stesso e lo rispetto. Anzi, mi chiedevo se ti piaccio anche io in quel senso.»
«Donovan, tu non sei gay.»
«E allora? Non ti ho detto di metterci insieme, voglio sapere se mi trovi sexy.»
Zec sbuffò spazientito. «No, non sei il mio tipo.»
Donovan gli diede una pacca sulla spalla. «Bene, un problema in meno. Anche tu non sei il mio genere e ci saranno già abbastanza drammi quando dovrai contenderti Billy.»
Zec lo guardò confuso. «Ma di che diavolo parli? Chi…»
«Shh!» lo zittì mettendogli la mano sinistra con il palmo aperto sul petto. «Sento qualcosa…»
«Come puoi sentire altri suoni oltre le nostre voci?»
«Non lo so, forse e per via del paletto della Falce.» Donovan si voltò verso le scale che portavano al piano superiore. «Da quella parte. Uno dei vampiri è là.»
Donovan corse, facendo gli scalini due a due. Zec gli fu dietro, ripromettendosi di riprendere il discorso su Billy una volta al sicuro.
Entrarono nel nuovo corridoio e Donovan continuò a procedere sicuro, muovendo lentamente il paletto davanti a sé. A Zec parve come un rabdomante in cerca di acqua.
«È qui» sussurrò Donovan. «E di certo ci ha sentiti arrivare.»
«Dovremmo pensare a un piano» rispose Zec a bassa voce, mentre oltrepassavano l’ingresso spalancato delle prime aule ai due lati.
«Non ce ne è bisogno.» Donovan si girò di scatto verso la seconda aula alla sua destra. «Posso ancora coglierlo di sorpresa.»
Stefan balzò fuori dalla classe e si avventò su Donovan, atterrandolo. Poi lo sollevò di peso, gli torse il braccio con cui impugnava il paletto dietro la schiena e gli strinse l’altro contro la gola.
«Lascialo andare» gli ordinò Zec.
«Altrimenti, frocetto? So che non puoi strapparlo dalla mia presa con il tuoi trucchetti» rispose Stefan, con metà volto nascosto dietro la nuca di Donovan, ma mostrando la sua forma da vampiro. «E se vuoi provare a buttarmi di nuovo fuori da una finestra, il tuo fidanzatino verrà con me.»
Zec imprecò mentalmente. Stefan aveva ragione: non si controllava ancora appieno, rischiava di fare male a entrambi se provava anche solo a sollevare il vampiro da terra.
«Ehi Zec, non ti preoccupare» disse Donovan. Poi abbassò gli occhi sui suoi pantaloni. «Ho fede in te.»
Zec inarcò un sopracciglio e seguì lo sguardo dell’amico. Sopra l’allacciatura dei jeans vide spuntare un braccio di una croce di legno e intuì cosa voleva che facesse. Però doveva avvicinarsi un po’ di più.
«Hai ragione Donovan, a volte è giusto sacrificarsi per una buona causa.» Zec camminò lentamente verso di loro. Notò lo sguardo smarrito del compagno e la sorpresa in quello di Stefan.
«È un bluff» disse il vampiro, indietreggiando.
«Mi hai scoperto» rispose Zec. Si sporse in avanti, allungò le dita della mano sinistra e sperando di non ferire Donovan,  gli sfilò con la telecinesi la croce, la fece levitare sopra di loro e la sbatté sul volto di Stefan.   
Il vampiro mollò la presa sul suo prigioniero in preda a una reazione istintiva e si  abbassò, intimorito dal simbolo cristiano.
Donovan sfruttò il ritrovato vantaggio. Si girò, bloccò la spalla destra di Stefan con la mano sinistra e con l’altra gli piantò il paletto nel cuore.
Stefan lo guardò incredulo e poi si sgretolò in polvere.
Donovan raggiunse Zec gongolando. «Fuori uno.»
Zec annuì. «Ne rimangono due.»


                                             Continua…?

Nessun commento: