lunedì 16 maggio 2016

Adolescenza sulla Bocca dell'Inferno - Puntata 23

23. Fate Come se non ci Fossi

Michelle ascoltava svogliata il racconto della sua compagna alla riunione del gruppo di sostegno per disturbi alimentari. A costo di essere meschina, non aveva alcun interesse nel sapere come era riuscita a resistere a un pacchetto di patatine abbandonato sul tavolo della palestra, piuttosto non vedeva l’ora di uscire dalla stanza dell’ospedale usata come luogo di ritrovo e raggiungere Betty e Donovan per la ricerca sulla Bocca dell’Inferno.
«Bene Marcy, grazie per averci dimostrato con la tua tenacia che si può dire no al cibo spazzatura, anche se sei pronta a cedere» si complimentò il dottor Ross. Il giovane medico che seguiva il gruppo si alzò dalla sua sedia rompendo il circolo. «Come sapete tra pochi giorni chiuderemo i nostri incontri per la pausa estiva e per voi sarà il periodo più difficile. Le vacanze portano tante possibilità di cadere in tentazione, ma dovete…»
Michelle sbuffò, smettendo di ascoltare. Avrebbe voluto ricordare al dottor Ross che era facile fare la predica con il suo corpo snello e asciutto e soprattutto sapendo che a casa c’era qualcuno ad aspettarti e non per criticare ogni tua azione. In realtà, più che da lui, era snervata dal passare lento del tempo. Sapendo di dover spegnere il telefono durante l’incontro, aveva mandato un sms a Betty prima di entrare in ospedale dicendo di essere momentaneamente occupata, non voleva che sapessero che frequentava un gruppo del genere. Però era anche convinta che se non si fosse rifatta viva al più presto avrebbero iniziato senza di lei, escludendola.
«… che come sempre sono la fiducia e la forza di volontà» concluse il dottore. Guardò l’orologio al polso e aggiunse: «Per oggi è tutto. Ci vediamo settimana prossima e mi raccomando: compilate il diario dei pasti.»
Michelle saltò giù dalla sedia soddisfatta. Gli altri ragazzi e ragazze lo erano quanto lei, tanto che in tre erano già davanti alla porta, prima che riuscisse a superarli la spalancarono e a quel punto si bloccò.
Donovan stringeva Betty e la baciava sulla bocca. Lui contro di lei ed entrambi i corpi premuti contro la parete.
I suoi compagni del gruppo lanciarono dei risolini e corsero verso le scale, Michelle non riuscì a muoversi. La spintonarono fuori dalla stanza e la superarono, rimase in silenzio senza riuscire a smettere di fissarli. Il suo timore si era avverato. Billy e Zec erano una coppia, a quanto vedeva lo erano anche Donovan e Betty, non ci voleva molto perché fosse eliminata dal gruppo.
Sentì i passi del dottor Ross alle sue spalle, si voltò non sapendo cosa dire, ma lui la ignorò e chiuse la porta della stanza.
«Che diavolo fai?» domandò Betty
«Improvviso» rispose Donovan ridendo.
Michelle mosse un passo verso di loro. «Ehi, ragazzi… che ci fate qui?»
Non la degnarono di uno sguardo e continuarono la loro discussione.
«E se fosse uscito un dottore o un infermiere?»
«Se ci avessero detto qualcosa, avrei spiegato che eri triste per un parente malato e ti stavo consolando.»
Michelle si scostò vedendo Donovan avanzare in direzione della porta dietro di lei. «Perché non rispondete? C’è qualche problema?»
Donovan aprì la porta girando il pomello e la ignorò ancora. «Muoviamoci prima che arrivi qualcun altro.»
Betty lo segui, sorpassandola.
Michelle rimase di stucco. Era offesa e arrabbiata, ma anche demoralizzata. Era chiaro che non volevano più avere niente a che fare con lei. Ai loro occhi era già invisibile. Andò a passo spedito verso le scale, decisa a lasciare al più presto l’ospedale.

«Sono a casa» urlò Michelle, rientrando con l’umore nero. Si diresse spedita in cucina e aprì il frigorifero. C’era un avanzo della cheesecake, avrebbe placato la sua furia con il dolce e in fin dei conti se lo meritava: due persone che considerava amici l’avevano apertamente rifiutata. Afferrò la scatola rosa della pasticceria e aprì il coperchio, ma si fermò subito sentendo la voce di sua madre provenire dal salone.
«Se mi becca a mangiare la torta, mi tormenterà per tutto il week-end.» Spinse di nuovo sul ripiano la scatola, coprendola e richiuse il frigorifero.
Michelle uscì dalla cucina e andò in salone, pronta a dover fare il resoconto della riunione del gruppo, come ogni volta che tornava dall’ospedale. Trovò sua madre, con i capelli e le unghie curate, il viso truccato e il suo abbigliamento impeccabile, seduta sul divano con il cellulare all’orecchio.
Non se la sentiva di affrontare il terzo grado proprio in quel momento, così disse: «Ciao mamma. So che vuoi la prova che sono andata e ti giuro che ti racconterò tutto, ma possiamo rimandare?»
Sua madre rimase seria con il cellulare premuto sull’orecchio sinistro. Dopo pochi istanti di silenzio, scoppiò a ridere. «Non ci credo! Solo una con la sua faccia tosta poteva dire così. E tu cosa le hai risposto?»
«Mamma, allora possiamo rimandare?»
«Ma che brava!» esultò la donna. «Avrei voluto esserci. E poi?»
Michelle sbuffò arrabbiata. Pareva proprio che quel giorno avessero tutti deciso di fare finta che non ci fosse. Bene, si sarebbe adeguata. Senza aspettare più una risposta, girò sui tacchi e corse sulle scale fino in camera sua.
Chiuse la porta e si buttò sul letto. Fissò il soffitto della stanza rimuginando su Donovan e Betty. Erano stati scortesi, ma era strano che fossero cambiati tutto di un colpo. In passato c’erano state occhiatacce e battutine, ma non l’avevano mai trattata in quel modo. Si rizzò a sedere sul bordo del materasso. «Quel comportamento è tipico di mia madre e degli altri ragazzi, ma loro…»
Michelle saltò giù dal letto e frugò in tasca alla ricerca del cellulare. Magari con una telefonata avrebbero chiarito tutto. Schiacciò i tasti per richiamare dalla rubrica il numero di Betty.
La porta della camera si spalancò e sua madre, sempre con il cellulare all’orecchio, entrò con prepotenza.
«Mamma! Potresti almeno bussare» sbottò Michelle.
La donna guardò in giro per la stanza. «No, non è nulla. Mi era sembrato di sentire un rumore in camera di mia figlia, ma è vuota.» Uscì dalla stanza e chiuse la porta.
Michelle gelò. Non stava recitando una scena. Sua madre non l’aveva proprio vista, anche se era in piedi davanti a lei. Il dubbio che ci fosse qualcosa di soprannaturale in atto la sfiorò e si spostò davanti allo specchio.
«Oh cavolo!» Il vetro non rinviava nessun riflesso. Era davvero diventata invisibile. Guardò il cellulare stretto nella mano destra e cancellò la chiamata in partenza. Doveva trovare una soluzione al più presto.

Era sera e Michelle si ritrovò di nuovo all’ingresso dell’ospedale. Aveva deciso che era inutile tentare di andare a casa di Zec o provare a rintracciare Billy, dovevano essere già al loro appuntamento. Tutto era accaduto lì e forse in quel luogo c’era anche la soluzione.
Entrò, ma nella sala d’aspetto non c’era traccia dei ragazzi. Tornò al piano della stanza della riunione, ma anche lì non trovò nulla. Sembrava che Donovan e Betty se ne fossero andati e non sapendo perché erano stati lì non aveva indizi per risolvere il mistero.
«Sembri parecchio giù di morale. Posso fare qualcosa per te?»
Michelle sussultò e si girò di scatto. Dana, nel suo inconfondibile aspetto demoniaco, la fissava nel mezzo del corridoio, con un sorriso di compassione. «Tu… mi vedi?»
«Ovviamente» le rispose. «Non dovrei?»
«No. Cioè io sono invisibile. Qualcosa mi ha reso invisibile.»
Dana le si avvicinò. La squadrò girandole intorno. «In effetti hai un che di strano oggi.»
«Aspetta, perché sei qui?» si allarmò Michelle. «È opera tua? Mi hai fatto tu questo?»
«Rallenta carotina, non sono la causa di ogni male.» Dana incrociò le braccia sul petto, coprendo la collana con il ciondolo giallo, presa durante il loro ultimo incontro. «Ricordi? Viviamo su una Bocca dell’Inferno, sai di cosa sono capaci le energie mistiche che genera. Io ho solo avvertito uno strano fremito provenire da questo ospedale.»
Michelle si sentì una stupida  a non averci pensato prima. Quello che le era capitato lo aveva già visto in una puntata di Buffy. «Sono come quella ragazza che è diventata invisibile perché nessuno la considerava.» Poi venne assalita dal panico. «Devi aiutarmi.»
«Perché?»
«Perché alla fine della puntata la ragazza rimane invisibile e viene reclutata dal governo come spia o assassina» raccontò Michelle.
«No, intendo perché io dovrei aiutare te» puntualizzò Dana. «In fin dei conti sono un demone.»   
«Be’ la volta scorsa in auditorium lo hai fatto e così…» Michelle si rese conto da sola che era una motivazione debole. E durante l’attacco dei vampiri avevano stretto un patto perché Dana voleva qualcosa in cambio, ma ora non aveva nulla da offrirle.
Dana sospirò. «Ti aiuterò. Ma solo perché mi sei simpatica. Raccontami cosa è successo.»
«In realtà nulla. Ero qui per…  un appuntamento e quando ho finito, ho trovato Betty e Donovan che si baciavano. Ho provato a parlare, ma non mi vedevano, né mi sentivano.»   
«Quei due insieme?» Dana inarcò un sopracciglio. «Non credevo che Velma e Fred sarebbero finiti insieme.»
«Anche io» rispose Michelle con rammarico. «Almeno non così presto. Pensavo che Betty lo avrebbe tenuto ancora un po’ sulla corda.»
«Ti sei sentita esclusa?»
Michelle annuì.
«E per quale motivo? Non ti facevo il tipo di ragazza che ha bisogno di un fidanzato per sentirsi interessante.»
«Non è così. Non sono neanche sicura che i ragazzi mi interessino» ammise Michelle. «Ma nei gruppi finisce sempre così. Quelli accoppiati rimangono uniti e la single diventa un peso e alla fine la mollano. E chi vuoi che si interessi a una come me?»
Dana le mise una mano sulla spalla. «Non ci credo che sono io a dirtelo, ma hai davvero un’opinione così bassa di te e dei tuoi amici? Avete superato il dramma del non-triangolo tra mio fratello, il ragazzo ammazzavampiri e Betty e penso che non ti lasceranno fuori dalla vostra versione della Scooby Gang, neanche se restassi sola»
Michelle la guardò sorpresa. Si sentì un vero mostro ad aver giudicato in malo modo i suoi amici, quando persino Dana la demone li considerava migliori. «Forse il problema sono solo io.»
«In un certo senso, è così» confermò Dana. «Ascolta, c’è stato un tempo, prima che diventassi demone, che ero come te: insicura, ossessionata dall’idea che gli altri avevano di me e un po’ arrabbiata per il mio aspetto. Poi ho capito che non importava. Mi avrebbero giudicata comunque, a meno che non fossero dei veri amici. E se hanno accettato mio fratello, non capisco perché i tuoi compagni non possano non farlo con te. Però devi accettarti tu per prima.»
«Mi stai dicendo che sono diventata invisibile, perché io ho tenuto che gli altri mi emarginassero» concluse Michelle. «Ma come faccio a tornare normale?»
«Affronta la tua paura.» Dana le mise l’indice sotto il mento. «Hai detto che nessuno si interesserebbe a te ed è una cavolata. Io ti trovo molto interessante.»
«Davvero?» Michelle arrossì imbarazzata.
«Sì, carotina. E se vuoi possiamo fare una prova.»
«Che prova?»
«Dammi un bacio e come nella migliore tradizione delle favole, il maleficio si spezzerà.»
Michelle la osservò diffidente. «Non è una trappola? Una specie di patto per vendere la mia anima?»
Dana sorrise. «No, non sono quel genere di demone. Ma se il mio aspetto ti spaventa…»
Michelle scosse la testa. «Al contrario. Ti trovo sexy.»
«Baciami, allora.»
Michelle si sporse in avanti. Premette goffamente le sue labbra su quelle di Dana. Le sentì morbide, contro le sue ruvide e avevano un buon sapore, come di ciliegia.
«Fate piano, è un miracolo che non ci abbiano beccati e bloccati»
Udendo la voce di Donovan, Michelle si scostò dalla ragazza demone e lo vide  avanzare furtivo nel corridoio con Betty, Zec e Billy.
«Michelle! Per fortuna sei qui, cominciavo a stare in pensiero. Non ti sei più fatta viva» le disse Betty.
«E lei cosa ci fa qui?» domandò Zec, osservando la sorella al suo fianco.
Michelle tirò un sospiro di sollievo. La vedevano, era di nuovo visibile. E non erano affatto intenzionati a escluderla. «Ecco, ho avuto un problema in stile Bocca dell’Inferno e Dana mi ha aiutato.»
«Mi fa piacere che tu stia bene, ma non dovremmo essere qui» disse Billy autoritario. «Io e Zec dobbiamo aggiornarvi su quello che abbiamo trovato al cimitero.»
«Ti ho detto che prima dovete vedere una cosa importante e con Michelle già qui, non dobbiamo più aspettare» ribadì Donovan.
«Come sospettavo c’è qualcosa di particolare in questo ospedale» disse Dana. «Non mi aspettavo però che lo scopriste anche voi.»
«Non ricordo che tu sia stata invitata» replicò Betty.
Dana guardò seria l’altra ragazza. «Non ne ho bisogno. Se sono qui è perché ho già una mia idea e posso tornare quando voglio per accertarmene.»
Agitò le mani per sparire, ma Michelle le afferrò il braccio. «Rimani. Mi hai aiutato e mi fido di te.»
Donovan sbuffò. «Va bene, basta che ci muoviamo.» Girò il pomello della stessa stanza dove Michelle lo aveva visto entrare con Betty qualche ora prima e fece segno agli altri di seguirlo.
Non appena furono dentro la camera, si voltarono verso il letto e videro la persona addormentata, Michelle capì l’urgenza di radunarli lì. Un uomo simile a Billy era steso davanti ai loro occhi.
«Non è possibile» Billy si avvicinò all’uomo e poi si girò sconvolto verso gli altri. «Perché questo tizio mi somiglia?»
Michelle ripensò a quello che le era successo quel giorno e senza accorgersene, parlò nello stesso istante in cui lo fece anche Betty. All’unisono dissero: «Credo di avere una teoria.»


                                                Continua…?    

2 commenti:

Lady Red Moon ha detto...

E No? Non puoi fare questo! Non puoi fermarti sul più bello>ㅁ< ㅠ.ㅠ

Ezio ha detto...

Tranquilla, mi faccio perdonare con il prossimo ;)